Grammatiche
COSTUME E SOCIETA'
CULTURA
ESTERI
MUSICA, CINEMA E SPETTACOLO
POLITICA
PUBBLICITA'
RUBRICHE
SPORT
TECNOLOGIE
DEDICATE A...
LO STAFF CONSIGLIA...
LO STAFF SCONSIGLIA VIVAMENTE...
ULTIMI ARRIVI
Ghezzi
Osserviamo "Mon homme loufogue est mort", un vecchio lungometraggio francese del 1033 a.C..
Si propone come un gelido spaccato di un sintetismo distopico. Appare come un calderone pleonastico di introspezioni epanalettiche, un mescolone un insieme ermeneutico di presenze sceniche.
Indubbiamente in una Weltanschaaung di crescita morale improntata a introspezioni prolettiche senza dubbio barocche, il contenuto emozionale potrebbe considerarsi metagodardianamente distopico.
Personalmente non ci si potrebbe trovare d'accordo con Chaltard quando insinua che "Mon homme loufogue est mort" sia solo un'unione di disposizioni luminose, e basta.
Ovviamente, paragonando "Mon homme loufogue est mort" a "Mer dequeulasse", osserviamo che e' presente in "Mon homme loufogue est mort" una sensazione di pulsione che pochi altri registi sono in grado di offrirci.
Senza dubbio ci si accorge che in un contesto di emozione dovuto a presenze sceniche oniriche, il figurante si potrebbe vedere forse kafkianamente gelido.
Bisogna dire che mi sembra che Botleaux non sia in torto quando afferma che il film di Botseaux sia soltanto un esercizio di stile registico tramite un utilizzo di sequenze di immagini, e basta.
GRAMMAR INFO
titleGhezzi Simulator
authorCUG <cug@telcanet.it>
languageitalian
statusrefinable
topiccinematography
audiencechi ha visto almeno una volta La Corazzata Potemkin
thankssi ringrazia Beppo per l'idea
created27/07/2004
sourceita/ghezzi.grm
embed (beta)