Grammatiche
COSTUME E SOCIETA'
CULTURA
ESTERI
MUSICA, CINEMA E SPETTACOLO
POLITICA
PUBBLICITA'
RUBRICHE
SPORT
TECNOLOGIE
DEDICATE A...
LO STAFF CONSIGLIA...
LO STAFF SCONSIGLIA VIVAMENTE...
ULTIMI ARRIVI
Recensioni Indie
Blind Hitlers Of The City of Detroit - Green-Low-Lower Musics Beyond The Yellow (mini-CD, Tzadik, 2005)

Manierista.
Fred Frith, artista di punta della scena pechinese, ci sorprende da vent'anni. Non questa volta. I Blind Hitlers Of The City of Detroit sono infatti un progetto di Christian Fennesz (basso) e Franz Hautzinger (pianola).
L'album mettera' d'accordo i fan dei Cure piu' definit(iv)i e delle Shaggs piu' kitsch, ideale per stupri nel deserto della propria mente.
De-fi, pathos enfatico, per un disco che dipinge una (no) wave rotonda e sghemba in una situazione esclusivamente new wave-new wave.
I Gun Club dell'era digitale.
Sopravvalutato.

(9) per il disco, (3) per la Tzadik.
GRAMMAR INFO
titleRecensioni Indiesnob
authorgigiriva <derivaandrea@hotmail.com>
languageitalian
statuscubico
topicmusica
audienceamericane, australiani, Idetoshi Hondamura, lettori di Blow Up (e delle sue imitazioni) e chiunque possa definirsi jazzy-postundicisettembre-lesbo
disclaimun mondo senza parentesi sarebbe un mondo biancamente chic-jazzy
created01/10/2005
sourceita/recensioniindie.grm
embed (beta)